« Imparare per vivere »

Piccole scuole a Mymensingh

Dei fratelli di Taizé vivono in Bangladesh da molti anni. Hanno cominciato piccole scuole per i bambini provenienti da famiglie molto povere, indù, musulmani e cristiani.

Migliaia di studenti vivono in Mymensingh. Molti provengono da villaggi e città della regione e spesso sono di famiglie povere e alcuni sono anche parte della prima generazione in grado di leggere e scrivere. Molti di loro hanno bisogno di un aiuto finanziario per proseguire gli studi. Per questo motivo, già 25 anni fa, i fratelli di Taizé a Mymensingh hanno avviato un piccolo programma di borse di studio. Quello che era iniziato come un semplice gesto di solidarietà verso gli studenti poveri si è progressivamente sviluppato. Per riassumere, potremmo anche tradurre il concetto fondamentale: "Se ricevete gratuitamente, allora dovete anche dare gratuitamente."

Chiunque riceva questo premio è invitato a fare qualcosa per gli altri. Alcuni diventano maestri delle scuole primarie, altri seguono i bambini giornalmente, lavorano con persone disabili o svolgono altri servizi. Questi studenti sono musulmani, cristiani e indù, uomini e donne, di almeno cinque diversi gruppi etnici. Lavorando insieme, hanno imparato a conoscersi e sono diventati amici. Ogni anno, partecipano tutti a una preghiera cristiana, una iftar musulmana (rottura del digiuno durante il Ramadan) e alla puja (celebrazione) di Saraswati, dea indù dello studio. Questi giovani danno un sacco del loro tempo per animare queste scuole, e si sono guadagnati il rispetto degli anziani e qualificati insegnanti delle scuole superiori del vicinato. Servire i poveri insieme favorisce il senso di appartenenza ad un’unica famiglia umana. Negli incontri mensili, sono incoraggiati a sviluppare un atteggiamento interiore di giustizia, pace e amore per i poveri, e il rispetto per la religione e la cultura di ciascuno. Questo è un elemento essenziale di sviluppo.

"Imparare per la vita" non si riferisce solo a ciò che può essere imparato dai libri, ma tiene conto di ciò che abbiamo imparato gli uni dagli altri, da persone che hanno poco o nessun titolo di studio, da poeti e artisti, in modo da scoprire il proprio talento artistico e sviluppare la propria generosità. È importante bilanciare un sano desiderio di realizzazione personale con il rispetto per i deboli e la compassione verso tutti. "Imparare per la vita " è anche conoscersi un po’ meglio attraverso una discussione aperta, il riconoscimento di sentimenti comuni e paure. "Imparare per la vita" è difficile, ma non è impossibile da combinare con lo stile di insegnamento che prevale in Bangladesh. In queste scuole, gli insegnanti e gli studenti imparano. Gli insegnanti imparano a sviluppare piani di lezione, a seguire un programma e gestire una classe. Essi scoprono come lavorare insieme con i genitori e con i colleghi, tenere traccia dello sviluppo dei bambini nelle loro classi e aiutarli ad avanzare. I bambini imparano tutte le materie in accordo coi libri pubblicati dal governo. Ma hanno anche lezioni di cultura, imparano il canto e il teatro, e frequentano corsi di formazione alla pace e alla risoluzione dei conflitti.

Questo programma è in corso da oltre vent’anni, interamente finanziato da contributi da parte di amici e sostenitori. In questo modo, le scuole rimangono un segno di ciò che possiamo fare insieme, senza chiedere molto in cambio. Anno dopo anno, siamo stati in grado di mantenere questo programma. Per i 1600 bambini delle nostre scuole, questo vuol dire una vita cambiata. Gli studenti ora gestiscono cinque scuole. Cinque scuole di piccole dimensioni e una cinquantina di insegnanti non fanno molto, ma cerchiamo di realizzare ciò che è possibile con i mezzi a portata di mano.

In Bangladesh, c’è un grande bisogno di educazione primaria nelle aree rurali e nei quartieri poveri urbani. La popolazione è molto grande, e anche se il governo cerca di offrire scuole e insegnanti, molti bambini crescono ancora senza andare del tutto a scuola. È stato naturale chiedere ai beneficiari dei piccoli sussidi di aiutare questi bambini attraverso l’insegnamento. All’inizio erano solo una manciata. Ciò che è iniziato con poche ore di insegnamento, gradualmente ha dato luogo alle normali scuole primarie, dove tutti i responsabili sono gli studenti del college. Un fratello racconta la storia della prima scuola di Binpara, sul lato opposto del Brahmaputra:

"Abbiamo iniziato la nostra prima scuola nel 1988 a Binpara, un villaggio a maggioranza indù, dall’altra parte del fiume. Lì si beveva molto, c’erano molti conflitti e alcuni degli uomini erano dediti al gioco. Abbiamo costruito una piccola casa (le pareti di bambù e il tetto di latta), in uno spazio vuoto vicino al fiume. Con molte esitazioni, i bambini cominciarono ad arrivare. Ogni mattina, l’insegnante andava di casa in casa per incoraggiare i genitori a mandare i loro figli. Venivano un giorno e il giorno dopo stavano a casa. Siamo riusciti a continuare con il primo piccolo gruppo fino alla fine del primo anno. Poi i bambini sono passati alla seconda classe: la battaglia era vinta! Lentamente l’atteggiamento dei genitori indù dell’area e dei musulmani è cambiato. Hanno accettato di venire a scuola per piccole riunioni in cui abbiamo discusso i loro problemi con l’alcol, col gioco d’azzardo e con la violenza domestica. Hanno cominciato a risparmiare qualche soldo ogni settimana e a consegnarcelo per conservarlo al sicuro. Le madri sono venute a imparare a ricamare e come riparare i vestiti dei loro figli. I padri hanno iniziato a mostrarsi interessati ai loro figli e a venire a scuola, che a poco a poco è diventata il centro del paese. Dopo pochi anni, la scuola ha dovuto essere spostata perché la zona è stata minacciata dall’erosione dal fiume. Oggi questa parte della città è completamente scomparsa. La nuova scuola ha oltre 400 studenti che provengono anche dai dintorni: alcuni sono indù, la maggior parte musulmani, e sono accompagnati da 18 giovani insegnanti. Anno dopo anno, abbiamo riparato la scuola dopo le inondazioni, aggiungendo spazi in base alle esigenze. Gli alberi che abbiamo piantato sono cresciuti e la scuola si fonde a poco a poco nel paesaggio. Anche il cambiamento di mentalità è stato progressivo. Ora tutti i genitori stanno contribuendo un po’ al costo della scuola. Capiscono l’importanza dell’istruzione e condividono la nostra visione. "

Printed from: http://www.taize.fr/it_article14016.html - 15 August 2020
Copyright © 2020 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France