Verso una nuova solidarietà

In ascolto dei giovani dell’Asia

Durante l’Incontro Europeo a Roma [http://www.taize.fr/it_article13241.html], frère Alois ha annunciato che nel 2013 avrebbero viaggiato in particolar modo attraverso l’Asia: “Dopo Kigali e Roma, come potrà continuare il nostro pellegrinaggio di fiducia? Quali saranno i prossimi passi verso l’incontro per una nuova solidarietà che si terrà nel 2015 a Taizé? Se il 2012 ci ha resi particolarmente attenti ai giovani Africani, nel 2013 ascolteremo i giovani Asiatici. Nei mesi di ottobre e novembre, alcuni di noi faranno un pellegrinaggio di pace e di riconciliazione in diversi paesi, fermandosi in Corea e in India, e andremo anche ad esprimere la nostra solidarietà ai paesi che aspirano ad una maggiore giustizia e libertà". Echi del progresso di questo cammino con i giovani di diversi paesi asiatici saranno pubblicati in questa pagina .

Sri Lanka: le sfide che affrontano i giovani oggi

I Cappellani degli studenti in un college a Colombo riflettono insieme sui giovani affidati alle loro cure.

Studenti e giovani in Sri Lanka oggi si trovano ad affrontare le stesse sfide del mondo in generale. Quelli di noi che si occupano di educazione sono in grado di riconoscere queste sfide attraverso la costante interazione con i giovani nelle nostre scuole. Lo Sri Lanka è stato testimone di due violente rivolte giovanili, nel 1971 e nel 1988-1989, che sono state spietatamente represse dallo Stato. Oggi la tendenza non può essere verso l’insurrezione armata, ma c’è sicuramente molta insoddisfazione. La rabbia e la frustrazione sono promosse da una cultura della violenza e della criminalità che caratterizza un paese post-bellico.

Dobbiamo accompagnare questi giovani che sono stati disorientati e confusi dalla guerra che ha infuriato per più di 30 anni. Da un punto di vista fisico, si potrebbe dire che questa guerra è finita, ma il trauma mentale e psicologico, ed i postumi continuano - non c’è pace. La paura, il sospetto e l’odio ci perseguitano. Dietro una facciata di ’normalità’ c’è un tentativo superficiale di andare avanti con la vita. In un futile tentativo di lasciarsi alle spalle un passato doloroso e i sensi di colpa, ci impegniamo in una spiritualità irreale. Abbiamo bisogno di sviluppare una vera e propria spiritualità.


Giappone : lo tsunami 2011 ed i suoi effetti a lungo termine

JPEG - 17.7 Kb

Da Michio

La strada verso la ricostruzione dopo il disastro è ancora lunga. Molte persone vivono in alloggi temporanei. Non so quando le vittime saranno in grado di spostarsi in abitazioni ricostruite. Si dice che ci vorranno 10 anni per rialloggiarli tutti. Nella città di Minamisanriku, il 62% delle case sono state spazzate via dallo tsunami. Ci sono molti pescatori che non possono nemmeno comprare una barca da pesca a causa degli effetti della radioattività. Per il futuro, dobbiamo pensare seriamente a come vivere sulla Terra e coesistere con la natura. Nella creazione di un rapporto di servizio con il cuore, vorrei chiedervi di pregare per noi mentre andiamo verso il futuro con speranza .

JPEG - 25.6 Kb

Da Kimiko

Una delle più grandi sfide in questi giorni per i giovani in Giappone è sapere come possiamo continuare il nostro viaggio di fiducia con i paesi nostri vicini. Dopo il disastro dello tsunami, quando eravamo in difficoltà, abbiamo sentito che eravamo molto vicini gli uni agli altri. Tuttavia, mi sembra che ci sono stati dei rapidi cambiamenti nelle nostre relazioni con questi paesi, in particolare con la Cina e la Corea .

Fino ad ora, questi sentimenti provenivano piuttosto dalle vecchie generazioni, ma ora si stanno diffondendo tra le giovani generazioni che non sono interessate alla politica. Penso che tutto questo è in gran parte radicato nella disperazione e nella enorme paura di un futuro incerto.

JPEG - 31 Kb

Da Yuri

Ho preso parte, per la prima volta, a un ritiro di due giorni con un fratello di Taizé a Shimonoseki. Volevo partecipare a questo incontro da lungo tempo, dopo aver conosciuto la comunità alla base dei volontari a Yanekawa dove ho lavorato per le vittime dello tsunami. Durante il ritiro, ho capito quanto ero lontano dal passare del tempo in silenzio nella mia vita quotidiana. Mi sono reso conto che il silenzio ci aiuta un sacco ad aprire i nostri cuori nella preghiera. Molte delle persone che hanno preso parte al ritiro erano persone che non avevo mai incontrato prima. Tuttavia, dopo due giorni ho visto sorrisi dolci sui volti di tutti e ci si prendeva cura l’uno dell’altro. Sentivo che avevamo condiviso molto nella preghiera, anche senza parlare. Ognuno di noi, anche se spesso è invisibile, ha una sete nascosta di amore semplice per gli altri.

JPEG - 23.3 Kb

Da Keiji

Il problema più grande tra i giovani giapponesi è che non hanno nulla di certo, nulla degno di fiducia, anche in fondo a se stessi, ed è per questo che hanno veramente sete. In una società ampiamente secolarizzata, la religione in genere non è qualcosa in cui si può davvero credere o di cui ci si può fidare. Inoltre, con una situazione economica sempre più difficile, il loro futuro è molto incerto .

Così sempre più giovani iniziano ad avere una sorta di sofisticato razzismo, soprattutto quando si trovano di fronte a certi problemi territoriali tra Giappone e paesi limitrofi. Credo che questo tipo di ideologia sia in grado di offrire loro una risposta molto semplice che dà loro l’illusione di affidabilità. La sfida per loro è quella di trovare qualcosa di veramente affidabile, e di riscoprire la fiducia nella loro vita. E’ sempre più impegnativo per loro costruire un clima di fiducia e di riconciliazione tra il Giappone e i paesi vicini.

Sulla base del Vangelo, vorrei seminare fiducia, e condividere la speranza che tutti siamo veramente amati e accettati così come siamo. Questa è veramente una grande speranza per i giovani e i bambini del Giappone, perché hanno davvero sete di una tale realtà, ma non hanno modo di trovarla. Non è facile, ma questo è quello che cerco di fare - non solo a parole, ma anche attraverso il modo in cui sono, offrendo opportunità di sperimentare comunità, in modo umile e semplice .

JPEG - 18.3 Kb
Se vuoi rispondere a qualsiasi di questi echi oppure aggiungere la tua testimonianza "visto dall’Asia" sul tema della solidarietà, scrivi a: echoes taize.fr.

Printed from: http://www.taize.fr/it_article15885.html - 30 September 2020
Copyright © 2020 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France