Frère Frank (1935-2014)

Il 16 gennaio, frère Frank, responsabile della fraternità in Mymensingh (Bangladesh), è morto a 79 anni di età. Era nato in Olanda, nel villaggio di Gasselte nella provincia di Drenthe. Dopo aver studiato lingue, entrò nella comunità di Taizé nel 1960.

Da molto tempo soffriva di problemi di cuore ed ai polmoni. Recentemente si era sentito meno bene e si era dunque deciso un suo rapido ritorno a Taizé. Un infermiere lo accompagnava. Durante una sosta ad Istanbul ha avuto un attacco di cuore, è stato ricoverato ma è deceduto poco dopo. È stato poi trasferito a Taizé, dove il suo funerale ha avuto luogo il 21 gennaio, alla presenza dei suoi cinque fratelli e sorelle, di cui lui era il maggiore.

JPEG - 34.4 Kb

Finisce una intera esistenza di dono si sé ai poveri. In ogni posto dove, insieme ad altri fratelli della comunità, ha vissuto il suo tempo, frère Frank ha sempre dato la priorità alla vita condivisa con i più abbandonati, basandosi su di una intensa ricerca di Dio. Fin dal 1964, frère Roger gli aveva chiesto di effettuare delle visite negli Stati Uniti che si conclusero con la creazione, nel 1965, della prima fraternità nel continente americano, nel Wisconsin. Dal 1966 al 1971 ha animato una fraternità in un quartiere povero di Chicago dove vivevano insieme alcuni fratelli di Taizé ed alcuni frati francescani. Poi ha trascorso un anno con dei fratelli ad Atlanta.

Nel 1972, frère Frank cambiò continente. Fu inviato in Asia e si impegnò in visite soprattutto in India, dove costruiva i primi rapporti di Taizé con Madre Teresa. Poi visitò Indonesia, Vietnam e Filippine. Alla fine del 1974 inizia una fraternità in Bangladesh, uno dei paesi più poveri del mondo, nella città di Chittagong. Da lì, nel 1978, si trasferisce in Giappone dove, con altri fratelli, iniziava una fraternità nel quartiere periferico di Miyadera a Tokyo. Alla fine del 1979 sostiene la nascita di una fraternità a Seoul, in Corea, poi parte per Calcutta nel 1981 e si stabilisce definitivamente in Bangladesh nel 1987. I fratelli si stabiliranno poi nella città di Mymensingh.

Questi lunghi anni di vita condivisa con i poveri del Bangladesh, frère Frank li ha uno giorno descritti con queste righe:

Ho scoperto che coloro che sono rifiutati dalla società a causa della loro debolezza e della loro apparente inutilità, sono una presenza di Dio. Se li accogliamo, ci conducono gradualmente fuori da un mondo di iper-competizione verso un mondo di comunione dei cuori. Come gesto di comunione con i credenti dell’Islam o con credenti di altre religioni, facciamo tutti insieme dei pellegrinaggi con persone disabili. Questo ci apre il cuore. Quando ci mettiamo insieme al servizio dei poveri e dei deboli, sono loro che ci riuniscono, non siamo noi i forti che stiamo facendo questo, ma sono loro che ci invitano a stare insieme, e con loro.

JPEG - 32.8 Kb

Printed from: http://www.taize.fr/it_article16420.html - 15 August 2020
Copyright © 2020 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France