Il Papa ha ricevuto frère Alois

In questo giovedì 4 aprile, il priore di Taizé, frère Alois, è stato ricevuto in udienza privata da papa Francesco. Alcuni giorni dopo la presentazione dell’esortazione post sinodale «Christus Vivit», frère Alois ha espresso al Papa la sua riconoscenza d’essere stato invitato al Sinodo dei Vescovi sui giovani, lo scorso ottobre. Ha sottolineato l’importanza della presenza dei giovani e degli invitati di altre confessioni cristiane a questo Sinodo.

Il priore di Taizé ha dato al Papa delle notizie sui recenti incontri animati dalla comunità nel contesto del pellegrinaggio di fiducia sulla terra, in particolare sull’incontro a Beirut organizzato, dieci giorni fa, con il Consiglio delle Chiese del Medio oriente e le Chiese del Libano. Sono stati anche evocati gli incontri internazionali di giovani a Lviv in Ucraina (aprile 2018), a Hong Kong (agosto 2018), e l’incontro europeo a Madrid (dicembre 2018), come anche i prossimi incontri a Città del Capo in Sudafrica (settembre 2019) e a Wroclaw in Polonia (dicembre 2019).

Papa Francesco ha incoraggiato frère Alois a continuare l’accoglienza dei giovani a Taizé e la ricerca dell’unità come è vissuta dalla comunità, con queste parole: “L’unità si fa camminando insieme, voi lo fate a Taizé, continuate”.



 [1]

[1Photo (C) Vatican Media-Foto

Printed from: http://www.taize.fr/it_article25937.html - 19 August 2019
Copyright © 2019 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France