Messaggi ricevuti per l’incontro


Papa Francesco

Cari giovani che siete riuniti per il 42° incontro europeo su iniziativa della Comunità di Taizé, quest’anno vi trovate in Polonia, patria di San Giovanni Paolo II.
Il suo successore, Papa Francesco, vi accompagna con la sua preghiera e vi incoraggia ad approfondire, a contatto con i cristiani della Polonia, il tema che è stato scelto per questo incontro a Wrocław : «Sempre in cammino, mai sradicati»

La Polonia è un paese che ha le sue radici nella fede. Sono queste radici che hanno permesso a questo popolo di resistere alle grandi prove, quando la speranza è stata infranta. Lo scoprirete: c’è molto da imparare da coloro che sono rimasti fedeli a Cristo quando la tentazione era di prendere la strada più facile. Questi cristiani hanno osato credere in un altro futuro.

Che possiate scoprire insieme quanto il radicamento profondo nella fede vi chiama e vi prepara ad andare verso gli altri, a rispondere alle nuove sfide delle nostre società, in particolare ai pericoli che incombono sulla nostra casa comune. « Le radici non sono ancore che ci incatenano ai tempi passati e ci impediscono di affrontare il presente […] Sono, al contrario, un’ancora che ci consente di crescere e affrontare nuove sfide » (Christus vivit, n. 200).

Cercando con molti altri, scoprirete che c’è molta gioia nel mettersi in viaggio, a volte - come Abramo - senza conoscere la destinazione in anticipo. Siate sempre pronti a nuovi inizi, a testimoniare il Vangelo e ad essere pienamente presenti a coloro che vi circondano, specialmente i più poveri e i più infelici. «Non aspettare fino a domani per contribuire alla trasformazione del mondo con la tua energia, la tua audacia e la tua creatività [...] Sei l’oggi di Dio che ti vuole fecondo» (Ibid., N. 178).

Il Santo Padre benedica tutti voi, giovani, così come i fratelli della comunità di Taizé, le famiglie e le parrocchie che vi accolgono. Possa la fede di Maria, anche lei partita “in fretta” (Lc 1, 39), sostenere lo slancio della vostra fiducia in suo Figlio.

Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità


Il Patriarca ecumenico Bartolomeo

Cari giovani,
Vi inviamo i nostri più calorosi saluti e ci congratuliamo per il tempo dedicato e l’impegno profuso per partecipare al 42° incontro europeo organizzato dalla Fraternità di Taizé. In effetti, in un mondo in cui le opportunità sono diventate quasi infinite, prendere tempo per incontrarsi è diventato tanto più prezioso. Perché la conoscenza che deriva dal mistero dell’incontro e della scoperta non può arrivare in fretta. I social network ci offrono di conoscere i profili delle persone, oggi voi scegliete le persone, nella più completa esposizione di voi stessi. Gli artifici sono ridotti al minimo, perché lo spostamento, il viaggio, per non dire il pellegrinaggio, vi obbligano a un po’ più di verità. Tuttavia, nella vita della Chiesa, gli incontri sono anche chiamate, vocazioni. Cristo ha invitato l’apostolo Andrea a seguirlo. Ha visto Natanaele sotto il fico. E’ apparso a Paolo sulla via di Damasco. Tutti questi episodi hanno in comune l’imminente presenza di Dio nella vita degli apostoli. Come cristiani siamo chiamati ad essere messaggeri, inviati di Cristo al mondo.

San Giovanni il Teologo, all’inizio del suo Vangelo, ha queste parole che continuano a risuonare con forza: «La Parola è venuta tra suoi, ma il suo stesso popolo non l’ha accolta. Tuttavia, per tutti coloro che l’hanno accolta e che credono in essa, ha reso possibile diventare figli di Dio. Non sono diventati figli di Dio per nascita naturale, per volontà umana; è Dio che ha dato loro una nuova vita.»"(Gv 1, 11-13) È quindi nostro dovere farci interpreti della Parola, non solo con le parole, ma incarnandola nella nostra vita. Questo è il progetto a cui vi state unendo in questi pochi giorni a Wrocław: sperimentare la fede come promessa di una nuova vita, vale a dire che trasfigura ciò che ci è stato dato e si offre totalmente in unione con il divino.

Trenta anni ci separano dalla caduta della «cortina di ferro». Il muro di Berlino è crollato nel novembre 1989, suscitando le più grandi speranze. La fine della guerra fredda, che alcuni hanno interpretato come la fine della storia, ha dato al progetto europeo una nuova prospettiva di vita, una nuova energia, di cui oggi siamo ancora gli eredi. Non molti di voi ricordano questi eventi, ma i loro effetti in tutto il mondo influenzano ancora profondamente il nostro modo di vedere e di essere nel mondo.

Bisogna capire come la distruzione di questa cicatrice che ha sfigurato il volto dell’Europa sia stata un segno di speranza per un’intera generazione. Ma il processo di riconciliazione non è sempre stato facile. C’è sicuramente una lezione da trarre da questa esperienza per noi cristiani di diverse confessioni che intendono lavorare a favore della ricerca dell’unità e della comunione. La speranza è certamente ciò su cui dovremmo concentrarci se siamo convinti dell’indispensabile percorso ecumenico che dovremmo percorrere insieme.

Inoltre, preghiamo per voi e vi benediciamo. Possa la grazia dell’unità risplendere in ognuno di voi e possa portare la speranza che sostiene la vita della Chiesa, affinché possiate essere degni lavoratori nella vigna del Signore.


Il Patriarcato di Mosca

Caro frère Alois, cari fratelli e sorelle !

A nome di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Cirillo, e a mio nome, saluto tutti coloro che sono riuniti oggi a Wrocław per l’incontro annuale dei giovani cristiani organizzato dalla comunità monastica di Taizé e vi mando i miei migliori auguri in occasione della luminosa festa della Natività di Cristo e del nuovo anno.

Il tema dell’incontro è, quest’anno, «sempre in cammino, mai sradicati». Leggere le Scritture ci incoraggia ad andare avanti. Come Abramo che lasciò tutto in risposta alla chiamata di Dio, come il popolo ebreo che seguì Mosè che camminò per quarant’anni nel deserto, come i santi apostoli che proclamarono il Vangelo fino al martirio, anche noi siamo chiamati a intraprendere il cammino della vita spirituale il cui obiettivo è Cristo.

I cristiani devono ricordare che la loro patria terrena è solo un’anticamera della città celeste a cui aspirano. «Per noi il paradiso è la nostra casa ed è da lì che ci aspettiamo un Salvatore, il Signore Gesù Cristo.»

«Io sono la via, la verità e la vita» dice il Signore (Gv 14,6). Il Salvatore non solo ci mostra la via della vita eterna, ma suggerisce di percorrerla insieme a lui perché «nessuno viene al padre se non per mezzo di me» (Gv 14,6). Il cammino verso la vita eterna è possibile solo in Cristo e attraverso di lui .

Riuniti in questo periodo di Natale, avete l’opportunità di partecipare a un evento essenziale che ha cambiato per sempre la storia dell’umanità. «Come il sole i cui raggi sono ancora nascosti ma la cui luce illumina già parte dell’universo, così Cristo, uscendo dal grembo della Vergine prima di essere rivelato, stava già illuminando l’universo» scrive San Giovanni Crisostomo.

Sfortunatamente, oggi il nostro mondo presta sempre meno attenzione a questa celebrazione. A Natale, il nome di Cristo è sempre più nascosto dietro abeti, decorazioni, mercati e shopping nei negozi. Difendere la propria fede in una società secolarizzata è diventata una sfida attuale per ogni giovane cristiano. Stranieri su questa terra e aspirando a una patria celeste, dobbiamo anche essere consapevoli del nostro posto in questo mondo.

Essere testimoni di Cristo e proclamare la sua nascita e risurrezione. Ci impegniamo, nel prossimo anno, a raccogliere le nostre forze per andare avanti sul cammino del Salvatore, ricordando queste parole dell’apostolo Paolo: «Non vergognarti dunque di dare testimonianza al Signore nostro, né di me, che sono in carcere per lui; ma, con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo.»

Possa la benedizione di Dio essere con tutti voi. Nell’amore del Signore,

Hilarion, Metropolita di Volokolamsk, Presidente del Dipartimento delle relazioni esterne della Chiesa del Patriarcato di Mosca


L’Arcivescovo di York, John Sentamu, primate d’Inghilterra

Alléluia ! Che Dio vi benedica mentre si avvicina il nuovo anno e mentre vi riunite per l’incontro europeo dei giovani a Wrocław !

Il vostro tema, "Sempre in cammino, mai sradicati", sembra giusto per tutti quelli che si sono messi in cammino sulla scia di Gesù Cristo. Quando San Paolo ha pregato per i cristiani di Efeso e Colossi affinché fossero «radicati e radicati nell’amore», sapeva, dai suoi numerosi viaggi, che la "casa" non era un luogo, ma un realtà profonda, la presenza di Dio in mezzo a noi, attraverso Gesù Cristo e il dono dello Spirito Santo. Agostino diceva così: «I nostri cuori sono irrequieti finché non riposano in te».

All’inizio del 2020 possiamo essere tutti irrequieti, audaci e avventurosi nei nostri sforzi in Cristo, pronti a rispondere alla sua chiamata, ovunque Egli conduca. E in quel viaggio, possiamo conoscerci profondamente a casa, a riposo in Lui, rafforzati dallo Spirito Santo, per sempre tenuti saldi nell’amore del Padre.

Quanto è grande la vostra gioia nel condividere Cristo insieme a Wroclaw questa settimana! Possa lo Spirito Santo riempirvi di grazia per portare questa gioia con voi ovunque voi andiate.


Il segretario generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese, Rev. Olav Fykse-Tveit

Mentre vi radunate questo mese a Wrocław, in Polonia, per la prossima tappa del vostro pellegrinaggio di fiducia, voglio, a nome di tutta la comunità mondiale dei cristiani, trasmettere i miei saluti, promettere le mie preghiere e inviare incoraggiamento a voi e al migliaia di giovani che viaggiano fino a lì.

Come sempre, il vostro incontro a Wrocław sarà caratterizzato da ospitalità e spiritualità. I giovani pellegrini e gli abitanti attraverseranno confini sociali, culturali e religiosi per incontrarsi e condividere una profonda comunione con Dio. È un segno di vita nuova e un momento chiave per tutti.

Inoltre, ci incontriamo subito dopo Natale mentre meditiamo sull’incarnazione di Dio in Gesù. In lui apprendiamo che Dio è con noi, che soffre con noi, dimora in noi e agisce in noi. Non importa dove siamo nel nostro viaggio, non siamo mai sradicati dall’amore di Cristo. All’inizio di un nuovo anno, possiamo quindi innalzare i nostri cuori nella sincera speranza di un nuovo giorno, in cui i semi della contemplazione e della solidarietà possono animare le energie creative dei giovani impegnati, che lavorano per una vita migliore per tutti in Europa.

Voi ci inspirate. L’esperienza di Taizé illustra, in molti modi, ciò che continuiamo a trovare nel nostro pellegrinaggio di Giustizia e Pace, che il viaggio stesso è un appello a migliorare. Come discepoli, siamo continuamente trasformati dall’incontro con Dio e gli uni con gli altri, desiderosi di abbattere le barriere - di nazioni, origini, genere o credo - e di costruire amicizia. Secondo il tema della nostra prossima assemblea, «l’amore di Cristo ci porta alla riconciliazione e all’unità».

Cristo non è vincolato o limitato a nessuna nazione o programma nazionalista. L’amore di Cristo pervade l’unica famiglia umana, il mondo e anzi tutta la creazione di Dio. Qualsiasi discriminazione o esclusione contraddice l’amore di Cristo e mette in pericolo coloro che sono stigmatizzati o esclusi. L’esperienza del ventesimo secolo ci insegna questo.

Preghiamo che l’incontro di Wrocław sia benedetto. Possa questa nuova tappa del pellegrinaggio di fiducia di Taizé permettere a tutti i partecipanti di crescere nell’amore di Cristo e di rivelare una nuova alba per tutti noi.


La direttrice esecutiva della commissione teologica dell’Alleanza Evangelica Mondiale, Dr. Rosalee Velloso Ewell

A tutti quelli che sono a Wroclaw, un caro saluto nel nome di nostro Signore Gesù!

Mi rallegro del vostro incontro e ringrazio Dio per avervi riunito dai quattro angoli della terra per pregare, studiare e riflettere insieme su ciò che significa essere sempre in cammino, ma mai sradicati.

Siamo nel periodo natalizio - rallegratevi perché Cristo è venuto! Come Gesù, anche se attraversiamo la vita come pellegrini, andando dove lo Spirito ci manda, rimaniamo ancora radicati in Dio e nell’amore di Dio per tutto il creato.

Come Abramo e Sara nel loro cammino verso il futuro che Dio aveva previsto per loro, avremo momenti di obbedienza e momenti di fallimento, ma in tutti questi momenti, Dio è fedele e ci perdona. È una benedizione che non siamo soli in questo viaggio. Gesù ci sorprende con i compagni di viaggio che chiama ad essere sulla strada con noi, proprio come ha sorpreso i discepoli sulla strada di Emmaus.

Possiate essere benedetti e sorpresi da Dio mentre entrate in questo nuovo anno del pellegrinaggio di fiducia. Che possiate accogliere gli angeli mostrando l’ospitalità di Dio agli estranei; possiate brillare di luce nelle tenebre e mostrare l’amore di Cristo a coloro che non si sentono amati. In loro sarete benedetti per essere una benedizione.


Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, M. António Guterres

Estendo i miei migliori auguri alla comunità di Taizé in occasione del suo incontro annuale. Anni fa, quando ero uno studente universitario, ho partecipato a un incontro a Taizé e questi ricordi rimangono vividi. Ieri e oggi, ammiro molto i vostri sforzi per riunire persone di così tanti paesi e tradizioni.

Questa apertura alla diversità è particolarmente importante oggi, in un momento di divisioni in tutto il mondo. Stiamo assistendo a rivalità geopolitiche, crescenti disuguaglianze, un divario crescente tra i popoli e le istituzioni politiche e una rottura tra i popoli e il pianeta, illustrata dal peggioramento della crisi climatica. La cooperazione internazionale è più importante che mai e il mondo ha bisogno dei giovani in particolare per continuare a spingere all’azione, alle soluzioni e al cambiamento.

Quest’anno, rivolgerò un appello speciale per agire a favore del clima. Per molti decenni, gli uomini sono stati in guerra con il pianeta. Oggi il pianeta si sta difendendo. Siamo di fronte a una crisi climatica globale e il punto di non ritorno si sta precipitando verso di noi. Ma vedo anche speranza. La comunità scientifica ci dice che la road map per rimanere sotto un aumento di temperatura di 1,5 gradi è ancora a portata di mano. Le tecnologie per raggiungere questo obiettivo sono già disponibili. L’opinione pubblica si sta risvegliando con giovani come voi che mostrano una leadership e una mobilitazione straordinarie. E sempre più città, istituzioni finanziarie e imprese stanno intraprendendo il percorso di 1,5 gradi.

Nel 2020, farò affidamento su di voi per continuare a fare pressioni per mantenere il clima in cima all’agenda internazionale. Le Nazioni Unite saranno il vostro partner forte mentre ci impegniamo insieme per costruire un mondo di pace, sviluppo sostenibile e diritti umani per tutti.

Con questo in mente, per favore accettate i miei migliori auguri per un incontro memorabile, un buon Natale e un felice anno nuovo.


La Presidente della Commissione Europea, Signora Ursula von der Leyen

Cari giovani,

I giorni trascorsi insieme a Wroclaw sotto gli auspici della comunità di Taizé vi lasceranno con legami, amicizie, ricordi ed esperienze che dureranno una vita.

Durante il vostro soggiorno, scoprirete nuove prospettive provenienti dai vostri compagni. Scoprirete il puro senso di ospitalità e solidarietà con la calda accoglienza della comunità locale. E seguirete le orme di centinaia di migliaia di giovani che hanno scoperto l’anima dell’Europa durante la loro partecipazione agli incontri europei di Taizé.

Il vostro incontro quest’anno è particolarmente toccante e speciale. Il 2019 segna il 30° anniversario dello smantellamento della cortina di ferro e della caduta del muro di Berlino. Sono passati 30 anni da quando gran parte dell’Europa ha riguadagnato la sua libertà. 30 anni da quando la nostra famiglia europea è stata finalmente riunita.

Mentre vi riunite in preghiera e discussione nei giorni a venire, pensate al coraggio di tutti coloro che hanno combattuto per la libertà. Pensa a tutti coloro che hanno difeso i loro valori. Pensate a cosa significano unità, pace e riconciliazione per loro. È nostro dovere non dimenticarlo mai e non smettere mai di costruire un’Unione più unita, più equa, più tollerante, più aperta e più umana.

Avete buoni esempi da seguire. Sto ovviamente pensando alla comunità di Taizé che incarna i nostri valori europei. Ma penso anche a Santa Urszula Ledochowska che ispira il motto del vostro incontro: «Sempre in cammino, mai sradicati». Durante il suo lungo viaggio europeo, si è sempre dedicata ai più poveri e ai più vulnerabili e ci ha mostrato la forza dell’unità. Sta a voi e a tutti noi seguirla.

Dal profondo del mio cuore, vi auguro un soggiorno ricco e felice, pieno di gioia, pieno di scoperta e pieno di amore. E in particolare vi auguro un buon Natale e un felice anno nuovo.

Printed from: https://www.taize.fr/it_article27105.html - 4 December 2022
Copyright © 2022 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France