I fratelli in Bangladesh

Visita a Thanarbaid

I fratelli Taizé vivono in Bangladesh dal 1974 in diverse parti del paese. Recentemente si sono trasferiti in un villaggio a Thanarbaid, nella foresta di Modhupur. Un fratello li ha visitati recentemente e qui racconta la sua esperienza.

Con un altro fratello, abbiamo partecipato ad un pellegrinaggio del giorno di Sant’Andrea Chiesa del Bangladesh [https://churchofbangladesh.org/] a Panihata, nel nord, al confine con l’India. Siamo andati con un gruppo della parrocchia di Thanarbaid in autobus. Quasi tutti i pellegrini erano del popolo indigeno Garo, molto presente in questa zona.

C’era il vescovo Mankhin, moderatore della Chiesa e tutto è iniziato al crepuscolo con una Via Crucis sulla piccola collina che è diventata un santuario fondato dal vescovo Mondol, il primo vescovo della nuova Chiesa dopo l’indipendenza e che amava molto Taizé.

Ogni persona teneva una candela e ad ogni stazione c’era una lettura della Bibbia, una preghiera, un canto e anche l’evocazione dei testimoni della fede che hanno partecipato alla missione in questa parte del mondo. È stato molto bello. All’ultima stazione, il vescovo ha chiesto a noi fratelli di pregare.

Tutti in quella zona hanno paura degli elefanti che vengono di notte dall’India per mangiare il riso nelle risaie che si trovano sulla loro strada di transito. Possono anche distruggere le case dei villaggi in cerca di cibo. Un gruppo di volontari ha fatto la guardia durante la notte del pellegrinaggio e fortunatamente è riuscito a tenere gli elefanti fuori dal recinto. La sera prima erano stati il pastore e sua moglie a cacciarli via...

Ruma e il gruppo di pastorale giovanile Mikrakbo [https://mikrakbo.org/], costituito con l’aiuto dei fratelli, sono venuti a Panihata per il pellegrinaggio. "Mikrakbo" significa "Svegliati!" in a-chik, la lingua dei Garos. Sono spesso chiamati a guidare il culto. Quando Papa Francesco ha visitato il Bangladesh nel 2019, hanno rappresentato la diocesi di Mymensingh durante la celebrazione.

Martedì c’è stata l’Eucaristia presieduta dal vescovo con molti canti gioiosi e le letture del giorno di Sant’Andrea. Un pastore ha predicato, e poi ci è stato chiesto di parlare di Taizé-in-Francia, come si dice qui, e dell’accoglienza che vi si dà ai giovani. Quando abbiamo detto "Jishu Narashong", "Gloria a Gesù" in a-chik, i volti si sono illuminati. Questo è un pellegrinaggio annuale, ma l’anno scorso c’erano pochi pellegrini a causa della pandemia. Che festa essere di nuovo insieme! Nel pomeriggio siamo partiti con i parrocchiani, passando per Baromari, il luogo di pellegrinaggio mariano cattolico - è così che si vive qui!

Nella fraternità, il lavoro di trasformazione continua. Un fratello sta rastrellando le foglie e piantando arbusti fioriti ovunque. Un altro sta segando la legna per il fuoco della cucina. Un terzo, assistito da me e da un altro fratello in visita da Taizé, sta costruendo sentieri di mattoni attraverso il complesso. La cappella si trova al centro del complesso, visibile dappertutto per ricordare che la preghiera è il cuore della vita qui.

JPEG - 100.6 Kb

I giovani che vivono con i fratelli e del villaggio svolgono diversi compiti intorno al sito. Una squadra di lavoratori guidata da Bronson, conosciuto dai fratelli da molto tempo, finisce la costruzione degli edifici. Hanno appena finito il blocco sanitario, giusto in tempo per l’arrivo di 5 futuri pastori della Chiesa del Bangladesh che vengono per un ritiro di qualche giorno.

I bambini non mancano. Vengono dal villaggio, ma qui c’è anche una coppia di missionari coreani che erano a Mymensingh e che accolgono i bambini in difficoltà. La preghiera è piaciuta così tanto - anche i bambini - che hanno deciso di seguire i fratelli a Thanarbaid. Si sono trasferiti in una nuova casa accanto. Questo aggiunge qualcosa alla vita della fraternità.

Una lunga conversazione con Holi sul suo ministero carcerario nelle prigioni della zona di Greater Mymensingh è stata una chiamata alla preghiera. Molti dei prigionieri hanno poco sostegno. Alcuni non vogliono ricevere visite, ma altri sono felicissimi di avere qualcuno che possa ascoltarli e pregare insieme a loro. Capiscono che non sono dimenticati. Pregheremo per loro a Taizé.

Alcuni membri di Mikrakbo sono venuti alla fraternità per aiutare a cucinare e a preparare la visita della Comunità di Mymensingh L’Arche [https://larchebangladesh.wixsite.com/larchebangladesh]. Iniziata dai fratelli come casa per bambini disabili prima di diventare parte di L’Arche International, la loro presenza è servita a ricordare i 30 anni che i fratelli hanno passato a Mymensingh. 60 persone di diverse abilità erano nel gruppo e sono venuti per la preghiera di mezzogiorno e il pranzo. Nel pomeriggio c’è stato un tiro alla fune e vari giochi tra L’Arche e Thanarbaid. Naturalmente, L’Arche ha vinto! E i premi sono stati consegnati dall’infermiera locale e dalla moglie del proprietario del carretto dei bufali che vive accanto alla fraternità...

Prima di tornare a Taizé, ho visitato Mymensingh per vedere le persone coinvolte in diversi progetti che i fratelli hanno aiutato a creare nel corso degli anni:
- Hanif continua fedelmente a dirigere il Station Club, un club per i bambini che vivono alla stazione o nella baraccopoli che è cresciuta intorno ad essa. Ogni pomeriggio, sono accolti per qualche ora, per disegnare, ballare, recitare poesie, cantare ed essere bambini, cosa che non è così facile nella loro esistenza quotidiana. Durante il blocco, Hanif è sceso alla stazione e ha visto solo bambini e persone con disabilità. Hanno detto che avevano fame. Aveva 250 Thaka (2,5€) in tasca e è andato a comprare più biscotti che poteva per distribuirli. Nei giorni successivi, i bambini sono andati da Hanif con 5 Thaka, 10 Thaka, ... per ripagarlo. E come risultato, il Club della Stazione è stato in grado di cucinare riso per i bisognosi durante il mese successivo. Che solidarietà!
- Shefali gestisce il laboratorio di tappeti, dove donne con diverse disabilità lavorano realizzando tappeti da vecchi sari e lana locale. Si percepisce la dignità e l’orgoglio che provano attraverso la loro attività. Questo filmato [https://www.youtube.com/watch?v=Zh-vxUk78Xo] mostra le loro attività.
- Mita e Tahamina, entrambe donne disabili, al centro AROWHI si occupano di una squadra di sarte che realizzano vari articoli - vestiti, borse di stoffa, ricami - per la vendita.
- Graner guida il Centro Comunitario Protibondi [https://pccmym.org/], un alveare di attività che offre sostegno ai giovani disabili di Mymensingh e dintorni. Stanno anche cercando di lavorare con i rifugiati Rohynga nel sud del paese.
- La cappella di San Giorgio, dove i fratelli vivevano prima, è ora un ostello per studenti della Chiesa del Bangladesh, ma il pastore lì mantiene la preghiera tre volte al giorno per gli studenti e altri che desiderano partecipare.

IÈ stata una gioia vedere questi progetti continuare con la gente locale che si è fatta avanti per assumersi la responsabilità della loro gestione.

I voli richiedono test PCR in questi giorni e questo significava passare qualche giorno a Dhaka prima di tornare in Francia. Questo ha dato la possibilità di visitare il centro di riabilitazione di Apon [http://www.apon-bd.org/] nel distretto di Manikganj.

Gestito dai Fratelli della Santa Croce, accoglie bambini, giovani e anche adulti che soffrono di dipendenza da droghe, alcol, sniffatori di colla e altre sostanze. Seguono un programma rigoroso per sei mesi basato sui 12 passi dei Narcotici Anonimi. È stato molto impressionante sentirli raccontare così apertamente le loro storie, il che la dice lunga sull’atmosfera di fiducia instaurata dai Fratelli della Santa Croce e dai membri dello staff.

Così tanti segni di speranza....

Printed from: https://www.taize.fr/it_article32832.html - 15 August 2022
Copyright © 2022 - Ateliers et Presses de Taizé, Taizé Community, 71250 France